Search

Auto-diagnosi per raccogliere sfide sostenibili

autovalutazione imgdi Claudia Matini (Agosto 2014)

Potrebbe essere un esercizio utile da fare sotto l'ombrellone o nei momenti di pausa, quello di immaginare gli ultimi 6-8 mesi di vita ed analizzare in modo schematico i principali eventi, esterni ed interni, che l'hanno caratterizzato.

Obiettivo: fare in modo che le sfide da raccogliere siano sostenibili, per aumentare le possibilità di crescere e non "deteriorarsi".

Facendo riferimento ai concetti presentati nell'articolo "Sviluppo personale: risorse per l'estate" presente in questa stessa sezione, rispondete alle domande che seguono:

1) Quale tipologia di compiti vi è più familiare o vi è capitata o avete attivamente cercato?

  • Routine: compiti poco impegnativi
  • Sfide: compiti che corrispondono alle risorse o le superano di poco
  • Rischi: compiti molto impegnativi, forse eccessivi.

2) Quali risorse hanno richiesto e con quale esito finale?


3) Cosa avete imparato da quell'esperienza?


4) Di cosa avete bisogno/desiderio ora per stare davvero bene?

Potete farvi le stesse domande pensando alle sfide che state affrontando nel presente e a quelle che già prevedete di affrontare nel futuro prossimo.

Se vi fa piacere, condividete pure le vostre riflessioni o i vostri dubbi scrivendomi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..