Search

Merito in cattedra: alla ricerca del docente “eccellente”?

chadi Domenico Trovato (Ottobre 2017)

già Dirigente Scolastico, esperto di valutazione scolastica e formatore

Lo stimolo a proporre tale argomento deriva dall’accelerazione impressa dalla Legge 107/2015 (la cosiddetta “Buona Scuola”) e dalle successive disposizioni ministeriali, che hanno previsto, dall’a.s. 2015/16, l’attribuzione di un bonus premiale a gruppi selezionati di insegnanti, particolarmente impegnati nel lavoro e nei progetti di scuola.

Leggi tutto...

La valutazione esterna delle scuole: dal RAV al PdM

PDMdi Domenico Trovato (Dicembre 2016)

In un precedente articolo "INVALSI: la valutazione esterna delle scuole" erano state affrontate le problematiche generali del nuovo sistema di valutazione della scuola italiana, divenuto obbligatorio con il DPR 80/2013, con particolare attenzione ai quadri teorici di riferimento e ai percorsi operativi inerenti la valutazione esterna delle scuole. In questo contributo si intendono approfondire alcune coordinate riguardanti la funzione e la struttura del RAV, Rapporto di Autovalutazione (in vigore dall’a.s. 2014/15) e le sue interconnessioni con il PdM, Piano di Miglioramento, che rappresenta il “naturale” sbocco del RAV.

Leggi tutto...

INVALSI: la valutazione esterna delle scuole

invalsidi Domenico Trovato (Giugno 2016)

Questo contributo intende affrontare, a partire da una panoramica storica dell'evoluzione del sistema nazionale di valutazione, le problematiche della valutazione esterna, che, in questi mesi sta coinvolgendo un campione significativo di scuole (ma il percorso è iniziato da almeno 4 anni) e che si svilupperà fino al 2017.
L'obiettivo è quello di descrivere le potenzialità di questo servizio, divenuto ormai obbligatorio per legge (DPR 80/2013), che essenzialmente opera in due direzioni: 1.sostenere le scuole nel processo di auto- valutazione in corso, rappresentato dal RAV, attraverso l'analisi e il confronto su quanto dichiarato nello stesso documento; 2. porsi, per il personale e per l'utenza, come occasione di aiuto per una ulteriore riflessione sul profilo dell'offerta formativa della scuola, in funzione di un incremento delle buone pratiche in atto, ma con uno sguardo anche ad eventuali criticità.

Leggi tutto...

Valutare, insegnare e imparare cooperando: spunti per una valutazione in chiave cooperativa

charliebrowndi Maria Luisa Damini (Aprile 2016)

 Più volte, in questi anni, si è visto come il  cooperative learning sia un metodo di  insegnamento/apprendimento complesso          contraddistinto dalla centralità del soggetto che  apprende e costruisce in modo via via più autonomo le proprie conoscenze. Molto spesso, tuttavia, lavorare con modalità nuove rispetto alla lezione frontale o al cooperative informale non è semplice e uno dei primi ostacoli che gli insegnanti rilevano è proprio quello della valutazione1. Pare evidente, infatti, che sia fondamentale una rimessa in discussione delle forme di valutazione tradizionali, tenuto conto che il momento valutativo continua ad essere sentito come fondamentale da tutti gli studenti.

Leggi tutto...

La valutazione dell’insegnante, tra paure e necessità

logo valutazionedi Francesca Napoletano (Dicembre 2015)

La valutazione è un processo fondamentale nel percorso formativo di ogni professionista che voglia crescere e migliorare nel suo lavoro.
Nell'articolo di novembre 2015 Riccarda Viglino ha presentato il processo di valutazione sviluppato all'interno di un corso di formazione, messo in atto per rispondere all'esigenza di rilevare e riconoscere i miglioramenti avvenuti rispetto al corso frequentato e capire quali in particolare si ritenevano più efficaci rispetto ad altri. A questo scopo è stata strutturata, insieme ai corsisti, una rubrica di valutazione con criteri ben chiari e soprattutto condivisi.

Leggi tutto...

Rubrica di autovalutazione insegnanti su prestazione autentica

autovalutazionedi Riccarda Viglino & Co. (Novembre 2015)

La rubrica può costituire un valido strumento per valutazioni e autovalutazioni al fine di migliorare la qualità dell'insegnamento e la progettazione delle attività.
La rubrica è organizzata secondo 3 dimensioni. Per ogni indicatore vi sono una serie di descrittori divisi per tre livelli di competenza.

Leggi tutto...

L’ autovalutazione dell'insegnante come fattore di crescita e di cambiamento

valutazione-scuoledi Riccarda Viglino (Novembre 2015)

La frase di Albert Einstein, nella sezione "Parole per essere ispirati" di Novembre 2015, è per ricordarci che ci muoviamo all'interno dell'ambito, complesso e spesso difficile, della valutazione; dove, oggi più che mai, muoversi con cautela e rispetto è sempre più indispensabile.
A scuola diverse sono le modalità previste in questo ambito: si va da quella più diffusa, l' etero-valutazione1 , che è prerogativa esclusiva dell'insegnante, alle diverse modalità di co-valutazione, che introducono una dimensione sociale coinvolgendo il soggetto valutato ed i compagni, fino all'esperienza di auto-valutazione individuale e di gruppo.
Con l'auto-valutazione chi impara emerge in primo piano, assumendo un ruolo centrale nel processo valutativo e divenendone soggetto attivo e consapevole.

Leggi tutto...

Alcune strategie di valutazione formativa - 1a parte

numeriCominciamo con questo breve contributo a proporre alcune strategie che possono costituire una utile raccolta di idee facilmente disponibili e adattabili in base alle proprie esigenze di valutazione e ai vostri studenti.
Sono riprese dal testo di L. Greenstein (2010) What teachers really need to know about formative assessment. Alexandria, VA: ASCD.

3-2-1: Gli studenti scrivono tre termini chiave relativi a ciò che sanno o hanno appreso, due domande, e una modalità che possono applicare nel loro apprendimento. Le variazioni includono chiedere tre fatti, due concetti, e una domanda.

Leggi tutto...

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini già in prima elementare

bambinidi Riccarda Viglino (Maggio 2015)

In un mese in cui si tirano le fila del lavoro scolastico ci sembra importante inserire questo contributo di Riccarda Viglino che ci porta a considerare come sia possibile realizzare percorsi di valutazione che facciano crescere sia gli studenti (anche piccolissimi) sia gli insegnanti.
Vogliamo così esemplificare come la valutazione possa diventare realmente momento educativo e formativo per ogni attore del contesto scolastico: alunno, insegnante, genitore.

Leggi tutto...

Usare le rubriche per valutare il comportamento

valutazionedi Francesca Napoletano (Giugno 2014)

Siamo alla fine dell'anno scolastico ogni insegnante si appresta a valutare il comportamento degli studenti. Ai sensi degli articoli 8, comma 1, e 11, comma 2, del Decreto legislativo n. 59 del 2004, e successive modificazioni, e dell'articolo 2 della legge 169/2008, la valutazione del comportamento scolastico è espressa:

  1. nella scuola primaria dal docente, ovvero collegialmente dai docenti contitolari della classe, attraverso un giudizio, formulato secondo le modalità deliberate dal collegio dei docenti, riportato nel documento di valutazione;
  2. nella scuola secondaria di primo e secondo grado, con voto numerico espresso collegialmente in decimi ai sensi dell'articolo 2 della legge 169/2008; il voto numerico è illustrato con specifica nota ed è riportato anche in lettere nel documento di valutazione.
Allegati:
Scarica questo file (RubricaComportamento_1.pdf)RubricaComportamento_1.pdf154 kB

Leggi tutto...

Formazione e sviluppo professionale: l’isola che non c’è

stelladi Ludovico di Giovine (Maggio 2014)

1. Un sistema per la formazione in servizio dei docenti.

Nel mondo della scuola, nelle associazioni che si occupano di formazione, tra gli osservatori e gli studiosi, è diffusa la convinzione di un persistente e consistente declino, a tutti i livelli, degli interventi per la formazione e l'aggiornamento dei docenti. L'esigenza di una visione diversa e di politiche conseguenti in questo fondamentale ambito da tempo è stata espressa con chiarezza: "Rifondare il sistema dell'aggiornamento professionale degli insegnanti richiede non solo un 'ricambio' delle sedi e delle strutture (non basterà, ad esempio, sostituire agli IRRE le Università), ma un profondo ripensamento dello stesso concetto di formazione permanente.

Leggi tutto...

Dare Valore alla Valutazione formativa

mani alzatedi Francesca Napoletano (Aprile 2013)

1. IL VALORE DELLA VALUTAZIONE FORMATIVA NEL PERCORSO DI APPRENDIMENTO DI OGNI STUDENTE

 La finalità di ogni scuola di qualsiasi ordine e grado è rendere ogni studente competente, cioè in grado di utilizzare le proprie abilità, conoscenze e disposizioni personali in un contesto reale, ad un livello sempre più elevato di qualità e con sempre maggiore consapevolezza, autonomia e responsabilità.

Leggi tutto...