Search

L’immagine di se’ (parte prima)

feldenkrais-seminariLe lezioni del Metodo Feldenkrais proposte nel seminario ci faranno diventare consapevoli dei punti di appoggio del corpo e delle "linee" che ci permettono di individuare come i rapporti tra il sistema nervoso e gli arti sono rappresentati nel nostro cervello e come ciò determina come usiamo il nostro corpo.

Destinatari
Insegnanti di ogni ordine e grado che vogliano sperimentare nuove modalità di gestire la relazione con se stessi e persone di tutte le età che vivano situazioni di disagio personale o relazionale e che vogliano lavorare su se stessi e sul proprio benessere psicofisico.


Finalità

  • Aumentare la consapevolezza del nostro modo di muoverci e di usare il corpo, liberarci da ciò che rende il movimento faticoso, poco efficace o doloroso, ridurre gli sforzi superflui. Percepire un corpo che può condurre a realizzare i propri obiettivi, accrescere la flessibilità emotiva e mentale, e apportare cambiamenti positivi nella nostra vita.
  • Aiutare le persone a muoversi con maggior facilità, minor dolore e minor sforzo

Obiettivi specifici

  • comprendere come abbiamo organizzato il nostro corpo e come lo usiamo
  • diventare consapevoli delle "linee" fondamentali per uno sviluppo armonico dell'immagine di noi stessi
  • migliorare una parte dell'immagine produce cambiamenti nell'immagine complessiva.

Metodologia
Il Feldenkrais insegna a muoverci in maniera più funzionale e più semplice e permette di liberarci dagli schemi posturali e dalle abitudini di movimento che sono divenute inadatte o dolorose. L'unicità del Metodo consiste nell'utilizzare il movimento in modo scientifico e creativo al tempo stesso.


Contenuti
Da definirsi sulla base delle esigenze dei partecipanti


Durata ed articolazione
Il seminario consiste in 4 lezioni guidate di 1 ora l'una, seguite da uno scambio di osservazioni e intervallate da una pausa di 20 minuti, per un totale di 5 ore.


Sede: Roma, Treviso, Genova e zone limitrofe.

Contatti ed informazioni: dott.ssa Daniela Pavan - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.