Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le informazioni sulle nostre attività!

Newsletter

Ho letto e accetto le norme sulla privacy

Seguici su:

valutazione di sistema Tag

di Domenico Trovato (Giugno 2016)

Questo contributo intende affrontare, a partire da una panoramica storica dell'evoluzione del sistema nazionale di valutazione, le problematiche della valutazione esterna, che, in questi mesi sta coinvolgendo un campione significativo di scuole (ma il percorso è iniziato da almeno 4 anni) e che si svilupperà fino al 2017. L'obiettivo è quello di descrivere le potenzialità di questo servizio, divenuto ormai obbligatorio per legge (DPR 80/2013), che essenzialmente opera in due direzioni: 1.sostenere le scuole nel processo di auto- valutazione in corso, rappresentato dal RAV, attraverso l'analisi e il confronto su quanto dichiarato nello stesso documento; 2. porsi, per il personale e per l'utenza, come occasione di aiuto per una ulteriore riflessione sul profilo dell'offerta formativa della scuola, in funzione di un incremento delle buone pratiche in atto, ma con uno sguardo anche ad eventuali criticità.

di Ludovico Di Giovine (Marzo 2013)

Si è cominciato a parlare di valutazione di sistema in occasione della Conferenza della scuola del 1990 (ministro Sergio Mattarella) e, in circa un ventennio la questione, tra contraddizioni e luoghi comuni, “ha visto solamente un sommarsi di norme e dispositivi che hanno reso complicata una ‘cosa’ che più semplicemente è soltanto … complessa” (Maurizio Tiriticco, Lettera aperta al ministro Francesco Profumo, “Della valutazione di sistema: come e perché”, 19/11/2011).

di Ludovico Di Giovine (Marzo 2013) (1a parte)

L’approvazione in prima lettura dello “Schema di regolamento sul sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione” (Consiglio dei Ministri del 24/08/2012) ha attivato la procedura per i previsti pareri istituzionali del Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione (20/11/2012) e del Consiglio di Stato (16/01/2013). Nel contempo si è riaperto il confronto in ambito sindacale e politico sull’annosa questione della valutazione di sistema e, recentemente (21/01/2013), si è avuta una decisa e articolata presa di posizione critica, un vero e proprio “manifesto”, da parte di alcune associazioni: AIMC, CIDI, Legambiente Scuola e Formazione, MCE, Proteo Fare Sapere, CGD, UDS, Per la Scuola della Repubblica. Il 29 gennaio 2013 la Commissione Istruzione e Cultura del Senato ha iniziato l’esame dello Schema di Regolamento avendo ricevuto la documentazione dal ministro Giarda con la sollecitazione a far presto perché eventuali ritardi potrebbero mettere in forse l’accesso ai fondi strutturali europei della prossima programmazione settennale.

Registrazione utente

Reset password